Gesù Cristo: Il Solo Balsamo del Vangelo

Centin, polemiche in Brianza per le “nozze gaie”

Claudio_Centin_2015

 Il Giornale di Desio 19/05/3015

NOVA MILANESE (MB) – «”Le nozze gaie”, opera 

dell’artista evangelico Claudio Centin, in arte Cinquino, hanno sollevato un vespaio di polemiche»: sale agli onori delle cronache brianzole l’artista modenese che, a margine dell’esposizione ArtexNova, ha visto tacciare di omofobia una delle sue composizioni. Alla questione ha dedicato un ampio servizio il Giornale di Desio, settimanale locale che ha riportato le espressioni di disappunto giunte dai lettori per un’opera considerata politicamente scorretta.

Tutto nasce nell’ambito della mostra organizzata a Nova Milanese dalla chiesa evangelica di Cinisello Balsamo insieme all’associazione Emuna, realtà che già in passato avevano organizzato con Centin mostre, conferenze e altre iniziative artistiche e culturali rivolte al territorio; tra le opere esposte – tutte realizzate con materiali di risulta, in base a una filosofia di recupero e valorizzazione degli scarti che l’artista stesso definisce “riciclarte” – era presente il quadro intitolato “Le nozze gaie”, il cui messaggio è un chiaro riferimento, forse perfino banale, alla complementarietà tra uomo e donna. Tanto è bastato, evidentemente, per sollevare le ire di qualche visitatore, irritato per la constatazione.

«La mia non era una provocazione – ribatte l’artista, contattato dal Giornale di Desio – l’opera si inserisce in un percorso che si sviluppa intorno al tema della creazione, del peccato originale e del male che da quel momento in poi si è diffuso nel mondo».

«Io ho diversi amici gay – precisa più avanti Centin nell’intervista – e non ho nulla contro di loro. Ma se mi chiedete il mio parere rispetto al dare o meno a loro la possibilità di suggellare la loro unione, la mia risposta è un rinvio alla Bibbia che ci dice che il solo matrimonio possibile – così come la possibilità di avere figli – è quello tra uomo e donna. E noi non siamo nessuno per andare contro la parola di Dio».

Una visione «che probabilmente infastidisce a priori», riflette l’artista, riferendosi a vandalismi e atti di intolleranza espressi con poca civiltà nei giorni precedenti all’inaugurazione.

Per parte sua la giunta comunale di Nova Milanese, di area Pd, para le critiche dei detrattori e difende la scelta di concedere alla mostra il patrocinio comunale: «l’Amminstrazione non condivide il contenuto dell’opera al centro delle critiche – precisa al Giornale di Desio l’assessore alla cultura, Andrea Apostolo -. Ma non per questo ci siamo sentiti in diritto o in dovere di chiedere all’artista di rimuoverla: sarebbe stata una forma di censura, assolutamente contraria ai principi che animano il nostro partito e alla linea seguita dalla nostra Amministrazione».
Condizioni d’uso.

– See more at: http://www.evangelici.net/notizie/1432108700.html#sthash.VZyUkObx.dpuf

Dove siamo

Via Della Libertà 137
Tel. 026172527 - Cell. 3384063246
Per richiedere informazioni
clicca in alto a dx su Contatti

Donazioni

Vuoi contribuire alla divulgazione della Buona Notizia di Cristo?

Coordinate Bancarie:
IT14k0558433520000000031169

Associazione Culturale non profit
Emuna “Il giusto vivrà per fede”

L’Associazione EMUNA fa capo alla chiesa Balsamoxlacittà

Grazie